Sono stati 3 adolescenti a far esplodere le microbombe davanti alla scuola di Pesaro

. – “Volevamo vedere quale sarebbe stata la reazione mescolando acido e alluminio in una bottiglia di plastica”. Si giustificano così i tre minori, che secondo la Digos di Pesaro hanno piazzato due ‘microbombe’ davanti all’uscita secondaria di una scuola di Pesaro, esplosa lunedì pomeriggio senza causare danni, ma solo perché le lezioni avevano Già finito .

Gli autori hanno 11, 12 e 13 anni e per il codice penale non sono imputabili: davanti ai genitori, convocati in questura, hanno giurato che non avrebbero più fatto queste cose. Gli inquirenti, coordinati dalla Procura di Ancona, sono tornati anche nel negozio dove i tre hanno comprato l’acido e hanno trovato la borsa in cui trasportavano le bottiglie nel condominio dove risiedono.

Abbiamo visto su . come costruirli e poi li abbiamo posizionati sul muro esterno della scuola – hanno confessato ieri sera ai carabinieri – senza pensare alle conseguenze, né all’arrivo della polizia. “Niente atti vandalici: ho visto l’esplosione dal balcone di casa, che è proprio davanti alla scuola ‘Chiara Lubich’.

source

This site uses cookies to offer you a better browsing experience. By browsing this website, you agree to our use of cookies.