La Via Crucis di Papa Francesco che unisce Russia e Ucraina

. – La prima Via Crucis di papa Francesco dal 2019 è stata segnata da polemiche: i media nazionali ucraini non lo hanno trasmesso per protestare contro la decisione di affidare la XIII stazione ad una giovane russa e ad una coetanea ucraina, in segno di riconciliazione tra i due popoli.

Irina e Albina, le due giovani, questa sera hanno puntualmente svolto la loro parte di funzione. “Ciascuno, nel proprio cuore, prega per la pace nel mondo” è stato detto subito dopo, in un momento di particolare commozione. Fu allora cambiato il testo della meditazione originariamente prevista.

Questo: “La morte intorno. La vita che sembra perdere il suo valore. Tutto cambia in pochi secondi”, si legge nel testo preparato per la Via Crucis, “L’esistenza, i giorni, la neve spensierata d’inverno, il raccogliere i bambini da scuola, lavoro, abbracci, amicizie tutto. Tutto perde improvvisamente il suo valore. “Dove sei Signore? Dove ti nascondi? Vogliamo la nostra prima vita. Perché tutto questo? Che colpa abbiamo commesso? Perché ci hai abbandonato? Perché hai abbandonato i nostri popoli? Perché hai…

source

This site uses cookies to offer you a better browsing experience. By browsing this website, you agree to our use of cookies.